La diretta correlazione tra diete e le Malattie Autoimmuni

Un intestino sano consente l’assorbimento delle sostanze nutritive e crea una barriera contro le tossine e le sostanze allergizzanti bloccandone il passaggio. Quando l’intestino diventa permeabile, la mucosa della barriera difensiva intestinale si lacera allargando le maglie e le tossine superano la barriera intestinale riversandosi nel sangue causando disturbi di vario tipo.

La permeabilità intestinale è causata da vari fattori, spesso dovuta a una dannosa alimentazione: tra i principali responsabili ci sono i cereali che come sappiamo contengono lectine, i legumi e le solanacee contengono anche saponine, sostanze che possono causare permeabilità intestinale.

Le patologie autoimmuni sono collegate da un processo biochimico centrale: una risposta immunitaria anomala conosciuta anche come infiammazione sistemica che si traduce nel fatto che l’organismo attacca i propri tessuti.

Le malattie autoimmuni di più frequente riscontro sono: l’artrite reumatoide, il diabete mellito di tipo I, il Morbo di Chron, la colite ulcerosa, la sclerosi multipla, il lupus eritematoso sistemico, la sindrome di Sjogren, la psoriasi, la sclerodermia, la polimiosite, le connettiviti autoimmuni e la tiroidite di Hashimoto

Attraverso un’alimentazione corretta è possibile modificare il decorso della malattia, ridurre l’intensità ed il numero dei disturbi fisici ad essa correlati, allungare i periodi di benessere, diminuire le fasi di riacutizzazione e migliorare la prognosi.

La dieta vegetariana ha dimostrato chiari effetti positivi sulla sintomatologia in pazienti affetti da artrite reumatoide .

Si consigliano dunque  preparazioni semplici, alimenti non conservati o troppo elaborati,  consumo di cibi ricchi di vitamine ed acidi grassi buoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia